AreALibera: Objectives and Expected Outcome of the Company ruled by Nicola Orazzini

What is the overall objective of AreALibera? AreALibera is a social network platform which Is used to empower and reinforce the connections and the relationships between citizens and administrators. The 1th goal is to increase the effectiveness of policy by bridging the gap between different levels of administration and allowing a path of interaction between administrators and administrative activity. AreALibera is also an instrument to monitor this activity, thus giving the opportunity to access transparently the administrative domain. The social network platform increases direct participation and agenda-setting by citizens, who shall be able to transmit directly to the administrator questions, claims, critics approval or endorsements. Participation means cooperative creation of new solutions in solving specific problems: citizens are part of the political debate and they can share their point of view. Because of all of these reasons, AreALibera can be considered the first social-network for civil society ever made in Italy. A new business model, created by Nicola Orazzini, for inclusive, innovative and reflective societies. An instrument to fight the impoverishment of Public Debate, restoring first-hand dialogue as a common source of information.

Nicola Orazzini e “AreALibera”, strumento web 2.0 dedicato a politica e democrazia

Unire la sfera economica e democratica allo scopo di favorire lo scambio di idee, giudizi di valore, informazioni e opinioni legate al benessere pubblico: nasce con questo obiettivo “AreALibera”, un portale che ha l’ambizione di diventare il primo social civile italiano. Ideato da Nicola Orazzini,  il progetto parte dalla dimensione locale di Livorno. La startup creata, infatti, è iscritta alla CCIAA della città toscana e ha vinto il premio per la realizzazione della migliore app partecipando a un bando regionale. Alla base dell’idea un aspetto che non può essere sottovalutato: internet ha contribuito a un cambiamento della comunicazione e della politica, dilatando a dismisura le possibilità di contatto tra le persone. “AreALibera” vuole essere una sorta di crasi tra Facebook, Twitter e Skype con un obiettivo importante: fare in modo che i politici locali divengano “grandi ascoltatori”, oltre ad essere “grandi parlatori”. Un social dedicato completamente all’argomento, in grado di sostituire gli applicativi più tradizionali e raccogliere tutti i commenti in un’unica grande chat.

Nicola Orazzini: con AreALibera l’e-partecipation si sviluppa anche in Italia

Sempre più diffusa in Europa, l’e-partecipation, il coinvolgimento dei cittadini alle decisioni politiche attraverso Internet e altre tecnologie telematiche, sta prendendo piede anche nel nostro Paese. A sostenerlo è, tra gli altri, Nicola Orazzini, professionista del settore finanziario, uno dei primi a investire in tale pratica: ha infatti progettato AreALibera, il primo social civile che permette ai cittadini di interagire con gli operatori della Pubblica Amministrazione e agevola quindi il confronto su problematiche e progetti inerenti alla comunità locale. L’applicativo di Nicola Orazzini si inserisce quindi tra i modelli di e-partecipation che in altri Paesi sono in auge ormai da tempo, alcuni dei quali sono diventati oggetto di studio. Nel Regno Unito, ad esempio, nel 2004 il British NGO mySociety ha lanciato un portale che si configura come un canale di comunicazione tra i cittadini e i loro rappresentanti in Parlamento. L’idea nasce dalla consapevolezza che molte persone non conoscono chi le rappresenta politicamente o addirittura la struttura e i confini della propria amministrazione locale. Il sito raccoglie e fornisce un elevato numero di informazioni pubbliche, anche nei formati audio e video. Gli utilizzatori possono avviare dibattiti e inoltrare richieste. Non solo: attraverso uno specifico servizio gli utenti possono rivolgersi direttamente ai politici. Per garantire che siano messaggi incentrati su temi di pubblico interesse, devono essere firmati da almeno venticinque cittadini: le risposte dei parlamentari e il dibattito che ne scaturisce vengono pubblicati anche sul portale, a conoscenza di tutti. Nicola Orazzini sottolinea come tale strumento incrementi la trasparenza del sistema politico, stimolando anche la fiducia e l’impegno civico nella popolazione. Obiettivi a cui punta anche AreALibera, che ha esordito in Toscana ottenendo riscontri positivi. Una realtà locale, punto di partenza per migliorare la democrazia a livello nazionale e internazionale. Nicola Orazzini ne è convinto: la formazione di un’opinione pubblica attenta ai propri territori, interessata a prendere parte alla definizione delle loro politiche e propositiva inizia da Comuni, Province, Regioni e poi si estende all’intero Paese. Modelli e pratiche di e-partecipation non possono che contribuire efficacemente a questo scopo.